Crea sito
Tag

2019

In recensione

Book haul di Dicembre/Gennaio

Salve lettori!
In questo articolo parlerò di tutti gli acquisti fatti a dicembre e gennaio. La lista è abbastanza lunga quindi procediamo con l’elenco!

1 – Nevernight 2-3, I grandi giochi, Alba oscura – Jay Kristoff

Finalmente sono riuscita a completare la serie di Nevernight. La Oscar Vault ha fatto davvero un lavoro eccellente con le edizioni di questi volumi, curatissime in ogni dettaglio.

I GRANDI GIOCHI
Mia Corvere, distruttrice di imperi, ha trovato il suo posto tra le Lame di Nostra Signora del benedetto omicidio, ma sono in tanti all’interno della Chiesa Rossa a pensare che non se lo meriti. La sua posizione è fragile, e non si sta affatto avvicinando alla vendetta cui agogna. Ma dopo uno scontro letale con un vecchio nemico, Mia inizia a sospettare quali siano i veri moventi della Chiesa Rossa. Al termine dei grandi giochi di Godsgrave, Mia tradisce la Chiesa e si vende come schiava per avere la possibilità di mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Sulle sabbie dell’arena, Mia trova nuovi alleati, feroci rivali e domande ancora più incalzanti sulla sua affinità con le ombre.

ALBA OSCURA
Mia Corvere, gladiatii, schiava fuggiasca e infame assassina, sta scappando. Dopo i grandi giochi di Godsgrave, finiti con il più audace omicidio nella storia della Repubblica itreyana, Mia si ritrova braccata. Potrebbe non uscire viva dalla Città di Ponti e Ossa. Il suo mentore Mercurio è ora nelle mani dei suoi nemici. La sua stessa famiglia la vuole morta. Ma sotto la città, un oscuro segreto è in attesa. La notte sta per scendere sulla Repubblica, forse per l’ultima volta.

2 – Shining – Stephen King

Questo romanzo non ha bisogno di presentazione, un classico horror che ogni amante del genere dovrebbe avere nella propria libreria. Ho acquistato questo romanzo anche per poter fare un confronto con “La casa a Nazareth Hill” di Ramsey Campbell. Appena avrò terminato entrambi i romanzi, ve ne parlerò sia qui sul blog che sul mio profilo instagram.

L’Overlook, uno strano e imponente albergo che domina le alte montagne del Colorado, è stato teatro di numerosi delitti e suicidi e sembra aver assorbito forze maligne che vanno al di là di ogni comprensione umana e si manifestano soprattutto d’inverno, quando l’albergo chiude e resta isolato per la neve. Uno scrittore fallito, Jack Torrance, con la moglie Wendy e il figlio Danny di cinque anni, accetta di fare il guardiano invernale all’Overlook, ed è allora che le forze del male si scatenano con rinnovato impeto: la famiglia si trova avvolta ben presto in un’atmosfera sinistra. Dinanzi a Danny – che è dotato di un potere extrasensoriale, lo “shine” – si materializzano gli orribili fatti accaduti nelle stanze dell’albergo, ma se il bambino si oppone con forza a insidie e presenze, il padre ne rimane vittima.

3 – Leopardo Nero Lupo Rosso – Marlon James

Questo è stato il mio regalo di Natale ed è stato molto gradito. Se volete leggere la recensione, cliccate QUI

Mistero e magia, potere e sangue sono gli elementi portanti di questo straordinario romanzo epico, il primo fantasy ambientato in un’Africa dove leopardi e lupi si mescolano con uomini dai poteri sovrannaturali. Già opzionato per una serie televisiva, Leopardo nero, lupo rosso è il primo libro di una trilogia, accolto con enorme successo in US e UK. Nello straordinario primo romanzo della trilogia Dark Star di Marlon James, mito, fantasia e storia fanno da sfondo alle avventure dell’Inseguitore, un mercenario ingaggiato per trovare un bambino scomparso tre anni prima. L’Inseguitore è famoso per le sue doti di cacciatore solitario – «Ha un gran fiuto», dice la gente -, ma per questa missione deve lavorare con un eterogeneo gruppo di personaggi, ciascuno dei quali si porta dietro un segreto. Primo fra tutti il muta-forma Leopardo. In viaggio sulle tracce del bambino, l’Inseguitore si sposta da un’antica città all’altra, si addentra in fitte foreste, attraversa fiumi vorticosi e si scontra con mostruose creature decise a ucciderlo. In quella lotta quotidiana per la sopravvivenza, comincia allora a chiedersi chi sia veramente il bambino che sta cercando, chi vuole impedirgli a tutti i costi di trovarlo e soprattutto chi mente e chi dice la verità

4 – Cuoio Nero – David J. Schow

Ho acquistato questa raccolta di storie sul sito dell’Independent Legions Publishing grazie ai saldi natalizi della casa editrice.

Prima edizione Italiana della raccolta di racconti ‘Black Leather Required’ (1994).
Dal padre dello splatterpunk, una folle carrellata di storie, rigorosamente in salsa gore, che reinterpretando con originalità temi e figure dell’horror tradizionale – come i non-morti –, e mettendo assieme rapinatori, tossici, spacconi, spacciatori , mostri in incognito, alligatori mutanti e dinosauri fantasma, protagonisti di scenari del tutto inediti, apocalittici e surreali, ci trascinano in un vortice di sangue, sesso, violenza, cannibalismo, necrofilia, senza escludere l’amore e nemmeno la tenerezza. Un mix perfetto di terrore puro e black humour che strizza lo stomaco e sorprende fino alla fine, al ritmo di colpi di Uzi e morsi di topi. Ad arricchire la raccolta, una sceneggiatura d’eccezione: quella che avrebbe dovuto riportare, nel 1990, Il Teatro del Grand Guignol a Broadway.

5 – La casa a Nazareth Hill – Ramsey Campbell

Questo è stato il primo romanzo di Ramsey Campbell acquistato, è una risposta al romanzo Shining di Stephen King ed è un autore che mi ha sempre messa molta curiosità ed appena ne ho avuto l’occasione, ho acquistato un suo libro.

Il vedovo Oswald Priestley e la figlia adolescente Amy si trasferiscono in un palazzo ristrutturato. Amy fin da piccola ha sempre chiamato quel posto, rimasto abbandonato per anni, ‘la casa dei ragni’. Nessuno dei nuovi inquilini sa che un tempo Nazareth Hill ospitava un manicomio, una casa di dolore e di tortura, dove la follia è rimasta incollata alle pareti delle stanze o cammina ancora nei corridoi, animando la grande pancia di quell’oscuro palazzo rimesso a nuovo. Durante la permanenza a Nazareth Hill i rapporti tra padre e figlia diventano sempre più difficili. Oswald sembra assorbire l’essenza malvagia della casa e del suo spettrale passato, che lo trascina verso una terrificante discesa che porta dritto nell’inferno della follia. Ma forse c’è dell’altro, la morsa del passato sfugge a ogni definizione. L’autore, attraverso la sua prosa inquietante e soffocante, sposta i confini tra il bene e il male, tra il reale e immaginario, animando ombre e visioni, soprannaturale e follia, dando vita a una storia drammatica a sfondo famigliare che spalanca le porte, una dopo l’altra, delle paure più ancestrali, offrendoci infine una vista unica, terribile e privilegiata, su un piccolo, immenso inferno. I vecchi orrori del manicomio di Nazareth Hill non aspettano altro che poter riemergere con tutta la loro forza. 

6 – L’isola – Richard Laymon

Altro romanzo horror scritto da un maestro del genere. Ho iniziato a leggerlo il giorno stesso dell’arrivo!

Il diciottenne Rupert Conway accompagna la famiglia della sua fidanzata Connie in un viaggio in barca attraverso i Caraibi. Ma la vacanza dura ben poco, il loro yacht esplode misteriosamente, mentre tutti si trovano sulla spiaggia di un’isola deserta, sulla quale restano intrappolati. Ma l’isola non è disabitata come sembra, c’è qualcuno nascosto nella fitta giungla, forse un sadico killer psicopatico, che prende di mira i naufraghi e inizia a farli fuori nell’ombra, uno alla volta. Una mente intelligente e perversa che sembra avere un particolare dono per l’agguato, la tortura e il massacro, e degli obiettivi ben precisi. Una caccia umana, delirante, una storia ‘sex and gore’ nello stile classico dell’autore, un romanzo pieno di soprese e di inattesa malvagità e depravazione

7 – I viaggi segreti di Carlo Rossman – Elena Corti

Romanzo che mi è stato gentilmente inviato dall’autrice. Un romanzo molto interessante di cui uscirà una recensione a breve!

Carlo Rossmann è archivista di un ente pubblico. Trascorre le sue giornate immerso nella penombra del seminterrato, tra migliaia di faldoni gonfi di carte ufficiali. È un uomo schivo, molto riservato, e quando è alla sua scrivania si sente al riparo dalle insidie del mondo esterno. Carlo è abituato alla solitudine, sia sul lavoro, dove non ricorda nemmeno il volto dei colleghi, sia a casa, dove vive in compagnia del suo adorato gatto. Poche parole, pochi incontri, tra cui l’indiscreta anziana dirimpettaia che passa le giornate spiando tutti i condomini, le loro abitudini. Un giorno, inaspettatamente, Carlo viene licenziato. Inizia così la sua personale epopea alla ricerca di un nuovo posto di lavoro. Lontano dalle scaffalature ingombre dell’archivio, via dal suo abituale rifugio, lo attende un mondo variegato e per lui folle e incomprensibile, fatto di personaggi bislacchi e pittoreschi. Da animatore per le feste a impiegato per un’azienda farmaceutica, da cameriere a dipendente del cimitero comunale, l’ingenuo protagonista di questo romanzo grottesco e surreale si ritrova coinvolto in una serie di avventure rocambolesche e colpi di scena inattesi. Fino al sorprendente epilogo.

8 – Tokyo Orizzontale – Laura Imai Messina

Romanzo che ho voluto davvero tanto e che ho acquistato il giorno in cui

Quattro ragazzi si incontrano una notte, a Shibuya, nel quartiere più giovane e convulso di Tokyo. Tutto avviene per caso, a cavallo di un’eclissi di luna. Sara, Hiroshi, Carmen e Jun sono diversi, come discorde è la loro visione dell’amore e della vita. Nella città-melograno i quattro si sfiorano senza saperlo, si trovano e si perdono un attimo dopo. Sara cerca l’amore definitivo, Hiroshi qualcuno che accetti con lui il fallimento, Carmen è bugiarda e si piega alla passione mentre Jun pretende il mondo riverso ai suoi piedi. Tokyo li guarda, li separa e li avvicina nell’arco di tre giorni soltanto, destinati tuttavia a cambiare la vita di ognuno di loro. Perché è questo che Tokyo fa alle persone: le cambia.

9 – L’estate alla fine del secolo – Fabio Geda

Questo romanzo l’ho acquistato con il Black Friday alla Feltrinelli. È un romanzo molto riflessivo ambientato in un’epoca non facile come quello della seconda guerra mondiale e fascismo.

Nell’estate del 1999 un nonno e un nipote si incontrano per la prima volta, dopo che una lunga serie di incomprensioni li ha tenuti distanti. Il nonno, ebreo, nato il diciassette novembre 1938, giorno in cui in Italia vengono promulgate le leggi razziali, ha trascorso la propria vita senza sentirsi autorizzato a esistere. Andato in pensione al termine di una brillante carriera come consulente, si ritira nella borgata di montagna dove durante la guerra si era rifugiato con la sua famiglia e dove vuole morire. Il ragazzino, un preadolescente sensibile ed estroverso, appassionato di fumetti, che viene affidato a lui perché il padre, malato, deve sottoporsi a una delicata terapia, entra in quella che potrebbe essere la sua ultima stagione in modo perentorio e imprevisto. Così, mentre sulle rive del lago artificiale in cui si specchia il paesino il giovane verrà in contatto con il proprio passato e con il proprio futuro, il nonno riceverà, tramite lui, quell’iniziazione gioiosa alla vita che la Storia gli aveva negato, riuscendo, forse, al crepuscolo del secolo, a non essere più un fantasma.

10 – La ragazza del Kyushu – Seicho Matsumoto

Romanzo che ho inserito nella lista dei libri che più aspettavo e che finalmente è mio. Non vedo l’ora di leggerlo!

In un mattino di primavera una giovane donna entra nello studio di un illustre penalista di Tokyo. È Kiriko. Ha appena vent’anni, il volto pallido dai tratti vagamente infantili, ma qualcosa di inflessibile nello sguardo, “come fosse stata forgiata nell’acciaio”. Non ha un soldo e ha attraversato il Giappone dal lontano Kyushu per arrivare fin lì, a implorare il suo aiuto. Il fratello, accusato di omicidio, è appena stato arrestato, e Kiriko è la sola a crederlo innocente. L’avvocato rifiuta il caso: non ha tempo da perdere, tanto più per una difesa che dovrebbe assumersi senza essere retribuito. Kiriko si scusa con un piccolo inchino, esce dallo studio e così come è arrivata scompare. Il fratello verrà condannato e morirà in carcere qualche mese dopo, poco prima che l’esecuzione abbia luogo. Sono solo gli antefatti da cui prende il via questo noir di Matsumoto. Dove un “caso-fantasma”, ripercorso nei minimi dettagli, lascia spazio a una vendetta esemplare che si fa strada da lontano, andando a segno quasi per caso. E mentre ogni colpa – consapevole o inconsapevole – viene pesata accuratamente, come su una bilancia cosmica, una tensione sotterranea, un “rumore di nebbia” accompagnano questa storia da cima a fondo. Finché lei, Kiriko, “la ragazza del Kyushu”, non otterrà ciò che le spetta

11 – Il canto dell’usignolo – Lian Hearn

Altro romanzo che ho voluto davvero tanto e il giorno della pubblicazione mi sono fiondata in libreria perché doveva essere mio! Se vuoi leggere la recensione di questo romanzo, clicca QUI

In un Giappone medievale mitologico, il giovane Takeo cresce in seno a una comunità pacifica che condanna la violenza ma che sarà massacrata dagli uomini di Iida, il signore del clan dei Tohan. Takeo è salvato dal nobile Shigeru, del clan degli Otori, si troverà al centro delle lotte sanguinarie tra i signori della guerra e dovrà arrendersi al proprio destino. Ma chi è davvero Takeo? Contadino, nobile o assassino? Da dove arrivano i suoi prodigiosi poteri? In un mondo fuori dal tempo, dominato da codici d’onore e da rigidi rituali di una tradizione millenaria, Takeo incontrerà per la prima volta l’amore: dovrà forse scegliere tra quest’amore, la sua devozione al nobile Shigeru e il suo desiderio di vendetta? La sua ricerca lo condurrà fino alla fortezza di Inuyama, a camminare sul “pavimento dell’usignolo”. Ma quella notte l’usignolo canterà?

12 – Il priorato dell’albero delle arance – Samantha Shannon

Romanzo più atteso del 2019. Un libro che non ha deluso le aspettative e che ho amato dall’inizio alla fine. Se vuoi leggere la recensione, clicca QUI

Il romanzo fantasy dell’anno. La casa di Berethnet ha regnato su Inys per mille anni ma ora sembra destinata a estinguersi se la regina Sabran IX non si sposerà e darà alla luce una figlia. I tempi sono difficili, gli assassini si nascondono nell’ombra della corte. A vegliare segretamente su Sabran c’è Ead Duryan, adepta di una società segreta che, grazie ai suoi incantesimi, protegge la sovrana. Ma la magia è ufficialmente proibita a Inys… Tra draghi, lotte per il potere e indimenticabili eroine, l’epico fantasy al femminile per il nuovo millennio.

In recensione

Ventiquattro, Valentina Bardi – Recensione

Salve lettori!
Oggi vi voglio parare di un romanzo adatto principalmente per un pubblico più giovane ma anche a persone che amano leggere romanzi per ragazzi. Il romanzo in questione è: Ventiquattro di Valentina Bardi.

Ringrazio l’ufficio stampa “Scrittura a tutto tondo” per avermi contattata e per la collaborazione e un ringraziamento anche all’autrice.

martina
Martina sta per compiere diciotto anni e frequenta un ragazzo che a sua madre non piace. Perché è il figlio del padrone della fabbrica locale, perché sua madre è una sindacalista come quelle di una volta e insomma quel ragazzo (com’è che si chiama,Matteo?) non lo vuole in casa sua. Martina sta per compiere diciotto anni e sempre più spesso si sente una mosca bianca, in famiglia. La madre, Giada, tutta d’un pezzo. Il padre, Andrea, che non c’è mai. Fa il giornalista, inviato in zone di guerra, e sembra che per lui contino più i drammi del mondo che quelli di casa sua; sembra anche, quando si fa vedere, che lui e la mamma non vadano più tanto d’accordo. E poi la sorella maggiore e i fratelli minori di Martina, ognuno alle prese con i propri problemi grandi e piccoli… problemi che la riguardano fino a un certo punto. Nonostante tutto, però, sembra che il microcosmo che ruota attorno a Martina, ben radicato in un piccolo comune della provincia romagnola, sia in grado di vivere la vita senza troppi sconvolgimenti. Sembra. Perché un evento inaspettato costringerà la ragazza, la sua famiglia e l’intera comunità con cui si intreccia, a rivedere le proprie convinzioni e a reinventare la propria visione del mondo. Un romanzo di formazione molto attuale, ricco di momenti toccanti e di argomenti che riguardano ognuno di noi: la famiglia, la coppia, l’essere figli. La fede politica e quella religiosa. La gioia e il dolore, la serenità e la disperazione. E soprattutto la necessità di accettare i propri limiti e raggiungere, finalmente, una nuova consapevolezza.

LINK PER ACQUISTARLO: AMAZON / IBS / FELTRINELLI

SCRITTURA A TUTTO TONDO: SITO

Lei è quella che riesce sempre a confortare tutti, a giustificare tutto, a capire tutto. Lei perdona, è gentile, sorridente.

Ho finito di leggere questo romanzo pochi giorni fa e come al solito ho preso per me del tempo per riflettere e non dare un giudizio troppo affrettato. È un romanzo che insegna e che lascia il segno dopo averlo letto, è un mix di pregiudizi, problemi adolescenziali, famiglia e domande esistenziali.

La protagonista principale di questo romanzo è Martina. Martina è una ragazza di 18 anni che vive una vita qualsiasi tra amici, il suo primo ragazzo e la sua famiglia. Martina è sempre pronta ad aiutare i suoi amici, è una persona gentile e generosa ma anche delicata. La sua famiglia è composta da Giada, una donna forte e sempre dalla parte dei lavoratori e della classe più bassa, una donna che ha cresciuto i propri figli da sola in attesa del marito, Andrea. Andrea è un inviato di guerra perennemente assente alla vita familiare, un uomo che fugge. Martina ha una sorella maggiore, Elena. Elena ha perso un bambino e da quel momento la sua vita è cambiata, è distrutta. Ma ha anche 3 fratelli più piccoli.

Martina frequenta Matteo, figlio dei proprietari della fabbrica che ha ricevuto degli insegnamenti molto diversi dalla ragazza ed è proprio per questo che Giada non vuole che si frequentino. Ma Martina e Matteo si amano a modo loro, lei è completamente rapita da lui.

La vita però mette a dura prova l’esistenza di ogni personaggio, ognuno subirà delle ingiustizie e dei cambiamenti, nulla sarà come prima. Ma come spesso accade, è proprio dai momenti bui che si impara e ci si rende conto di quello che davvero si ha, che nonostante tutto ognuno di noi ha un posto nel mondo.

Ci viene insegnato che un credo politico non definisce la persona, ci si crea un’idea diversa solo perché la pensa in modo differente rispetto a noi. Ci viene insegnato che assenza fisica non significa assenza emotiva, che spesso chi viaggia è fisso con il cuore in un punto ma il corpo si muove, ha bisogno di spazio.

“Ecco!” esclama la suora, come risvegliata di entusiasmo ” è proprio lì il problema. Io la voce che mi chiede di restare, che mi chiede di credere, la sento sempre. Ho pensato che fosse la mia immaginazione e invece no. È qualcosa che va oltre il razionale.”

Per concludere posso affermare con certezza che è un romanzo valido e a me è piaciuto. È un romanzo molto profondo e non lascia indifferente. Merita senza ombra di dubbio l’attenzione del lettore. Io lo consiglio a chiunque, a tutte le persone che sono alla ricerca di un romanzo per ragazzi che non sia banale e a tutte le persone giovani che amano la lettura.

SE VUOI LEGGERE ALTRE RECENSIONI, CLICCA QUI: RECENSIONI

In recensione

Dante e la tartaruga,Vincenzo Spinelli – Recensione

Salve lettori!
Oggi andremo a parlare di un romanzo assurdo ma in senso positivo, un romanzo che ti strappa un sorriso ed è molto divertente. Il romanzo in questione è: Dante e la tartaruga di Vincenzo Spinelli.

Ringrazio l’autore per avermi fornita la copia del suo romanzo!

divertente
Dante e la Tartaruga è la storia contemporanea (e folle) di due innamorati che vivono nella periferia bolognese. Stanchi di condurre un’esistenza ai margini della società ed esausti di vacillare perennemente sulla soglia della povertà, decidono di commettere un omicidio per appropriarsi del patrimonio della ricca e odiosa signora Scalpini, così da poter poi rilevare la libreria Shakespeare and Company di Parigi. Il protagonista, Dante Chitano, da anni sogna di fare lo scrittore ed Elena Bugetti vorrebbe soltanto vivere serenamente insieme a lui. Riusciranno, al termine di questa avventura surreale e rocambolesca, a coronare i loro sogni?

LINK PER ACQUISTARLO: AMAZON / IBS / FELTRINELLI

Nietzsche, non c’è bisogno di venire anche in bagno… calma, non agitarti, fammi ascoltare Tom Waits in santa pace, presto la convincerò, non temere.

Posso sicuramente affermare che questo romanzo è assurdo ma in senso positivo e mi è piaciuto. Iniziamo dai protagonisti, Dante Chitano ed Elena Bugetti. Dante è un ragazzo fuori dagli schemi, fa uso di droghe e legge… legge sempre e sogna di fare lo scrittore. Il dettaglio divertente che riguarda il ragazzo è che parla con degli scrittori morti, li vede anche e lo consigliano su come deve agire. È un personaggio che io ho trovato piacevole e simpatico, mi ha molto divertita con i suoi modi di fare.

L’altro personaggio è Elena Bugetti, fidanzata di Dante. Elena è un personaggio più stabile e riflessivo. Una ragazza che ne subisce di tutti colori dalla datrice di lavoro, la signora Scalpini. Proprio da questo partono le rocambolesche avventure dei due.

Il piano dei ragazzi è quello di inscenare la morte della signora Scalpini e di diventare gli unici eredi della sua ricchezza. Questo desiderio nasce dalla volontà di riscattarsi da una vita fatta di sofferenza e sacrifici ma soprattutto la volontà di Dante di diventare un grande scrittore e trasferirsi a Parigi.

Le vicende sono ai limiti del possibile ed è proprio questo che rende il romanzo molto divertente ed è capace di strappare un sorriso. Il linguaggio adoperato non è sicuramente adatto ad un pubblico giovane visti gli argomenti presenti nel libro come la droga e le diverse scene di sesso presenti all’interno della storia. Nonostante questo, è sicuramente un ottimo libro che nella sua brevità, conta 127 pagine, intrattiene il lettore.

Il finale del romanzo è una vera e propria ciliegina, mi è piaciuto tanto ed io ci ho visto un buon messaggio, un messaggio che spinge una persona a voler fare qualsiasi cosa per poter vivere una vita nuova e realizzare i propri desideri. Questo è il messaggio che a me ha trasmesso.

“Si ma tu sei Hemingway e io non sono te”.

“Ehi, devi soltanto scrivere una storia, la più vera che conosci”

Per finire, posso sicuramente dire che è un buon romanzo, divertente ed esilarante. Ed è scritto anche piuttosto bene. Lo consiglio a chiunque sia in cerca di un romanzo divertente e che valga la pena leggere!

SE VUOI LEGGERE ALTRE RECENSIONI, CLICCA QUI: RECENSIONI

In recensione

Oltremare, Andrea Zanchetta – Recensione

Salve lettori!
Oggi vi parlerò di un romanzo che mi è stato inviato in anteprima dall’autore ma che purtroppo è arrivato in casa mia molto più tardi (grazie poste italiane!). Un romanzo che racconta la lotta contro il mare. Il romanzo in questione è: Oltremare di Andrea Zanchetta.

Ringrazio l’autore per la copia cartacea!

mare
Un rituale oscuro e inquietante incombe su tutti gli abitanti dell’Isola. Nina ne è la sacerdotessa ed è anche l’unica a conoscere il vero motivo dei sacrifici che si ripetono puntuali. Ogni anno, durante la notte di Ognissanti, tre Gorgoni affidano un’offerta a un Mare dalle caratteristiche soprannaturali, lasciando che la risacca la porti via. Fra sensi di colpa, rancori e traumi, oscuri segreti vengono alla luce stravolgendo le vite di Enya, Dylan, Alyssa, Morgan e degli altri isolani. L’inaspettato ritorno di chi ormai si credeva morto da tempo farà precipitare gli eventi, svelando il vero nemico che Nina ha combattuto in segreto per anni, in una guerra di cui solo il Mare può decretare i vincitori.

LINK PER ACQUISTARLO: AMAZON / IBS / FELTRINELLI

Ora era un uomo. L’abitudine l’aveva logorato, consumato, incrostato dentro: ormai era diventata parte della sua esistenza. Senza quei gesti ripetitivi e meccanici si sarebbe sentito perduto.

Questo è sicuramente uno di quei romanzi che leggi sognante perché sembra quasi di vivere la storia raccontata sulla propria pelle. Questo è il secondo volume di una trilogia!

Il fulcro principale di tutto il romanzo è la maledizione del mare e del patto che hanno fatto con esso. Il patto consiste nel sacrificare la vita innocente di un bambino e darla al mare e in cambio tutti i cittadini dell’isola sarebbero stati al sicuro.

Non esiste un vero e proprio protagonista di questa storia ma diversi: Enya, Dylan, Alyssa e Morgan. Tutti personaggi che saranno indispensabili per comprendere la crudeltà del patto ma soprattutto del mare. Il mare è un essere imprevedibile, colui che ha in pugno le vite degli abitanti e che spesso si rivela spietato.

Il personaggio che più ho amato è Nina, la sacerdotessa del mare dagli occhi di ghiaccio. È una donna rigida, consapevole… una donna rassegnata alle crudeltà a cui è sottoposta la sua isola ma soprattutto colei che conosce la verità sulla vicenda del mare.

Le vicende si fanno interessanti quando i “bambini del mare” ritornano sull’isola e riportando alla luce un oscuro mistero. Attraverso ciò si mostra un legame con la natura spesso conflittuale, un legame amore e odio verso questo gigante possente.

La storia è molto interessante ed è sviluppata egregiamente tanto da indurre il lettore a continuare la storia e scoprire tutti i misteri che aleggiano intorno all’isola. Ho letto questo romanzo in sole 24 ore e conta circa 223, questo per dire che scorre molto velocemente e intrattiene

L’acqua l’avvolse in un turbinio di schiuma.

Poi fu la notte vera.

Per concludere, posso affermare senza ombra di dubbio che questo romanzo mi è piaciuto, in particolar modo mi è piaciuto il modo in cui è stata scritta la storia, è un tipo di scrittura valida ed accattivante

Lo consiglio vivamente a chiunque!

VALUTAZIONE

SE VUOI LEGGERE ALTRE RECENSIONI, CLICCA QUI: RECENSIONI

In recensione

Eliza, Sara Caporilli – Recensione

Salve lettori!
Oggi vi parlerò di un romanzo pubblicato da poco dalla Newton Compton Editori, un romanzo che mi è piaciuto davvero tanto. Il titolo del romanzo è: Eliza di Sara Caporilli.

Ringrazio l’autrice per avermi ceduta il file del suo romanzo!

eliza
La giovane Eliza non ha mai conosciuto la libertà. Vive segregata e alla mercé del suo padrone, il re della contea di Laschcote. Le uniche persone che le è permesso frequentare sono la sua balia e un prete. Ha provato a fuggire, ma il tentativo è miseramente fallito. Più che vivere, Eliza sopravvive, almeno finché non incontra Leonard, un giovane e affascinante comandante, che le permetterà finalmente di scappare. In fuga insieme a lui verso il regno di Tingcote, Eliza scoprirà chi è e quanta forza si nasconde in lei. Ma quello che nessuno dei due sa è che ci sono dei segreti che stanno per venire alla luce, in grado di mettere a rischio le loro vite e persino il forte sentimento che hanno cominciato a nutrire l’uno per l’altra.

LINK PER ACQUISTARLO: AMAZON / IBS / FELTRINELLI

“Minacciarvi è l’unico modo per controllarvi, siete una ribelle”

“E voi un folle, se credete davvero di potermi controllare con le minacce”

Inizio con il dire che ho adorato questo romanzo, ogni cosa è stata incredibile! Seppure con una mole di pagine di 574, l’ho letto in tre giorni perché è stato davvero difficile metterlo giù, tenendomi sveglia anche la notte per poterlo continuare. Inoltre, se l’autrice non mi avesse detto personalmente di essere esordiente, non ci avrei mai creduto! La storia è ben strutturata e pensata, ogni piccolo dettaglio non è mai lasciato lì a caso.

La caratteristica che più ho amato di “Eliza” sono stati proprio i personaggi, in particolare: Eliza, la protagonista ed Accursio, uomo rude ma dal cuore nobile. Eliza è un personaggio che rimarrà nel mio cuore per molto tempo, una donna triste e sola ma soprattutto debole, una donna a cui è vietato di vivere ma si rivelerà un portento, una donna da amare e ammirare. Verrà salvata dal comandante Leonard, uomo affascinante che amerà Eliza più della sua stessa vita. Insieme trascorreranno momenti di gioia e dolore, la loro storia è bellissima e ha perfino emozionato una persona come me che odia il romanticismo.

Possiamo ammirare la trasformazione di Eliza in modo molto graduale e in questo percorso sarà attanagliata da enormi dubbi e certezze ma fortunatamente, riuscirà sempre a fare le scelte giuste e affiancare le persone a lei care. È una donna forte e buona, colei che sta sempre dalla parte dei deboli e poveri e per loro combatterà le battaglie più dure che saranno sia interne che esterne.

Altro personaggio senza dubbio positivo è Accursio, un uomo che inizialmente può sembrare cattivo ma si rivelerà molto buono, in grado di amare e farsi amare. Ha dentro di sé cicatrici indelebili, cicatrici che lui stesso non riuscirà a perdonarsi.

Per le persone meno romantiche come me, posso dire che la storia d’amore tra Eliza e Leonard è un dettaglio importante della storia ma il tutto è contornato da una storia di misteri e crudeltà che affascina chiunque, anche noi! È un romanzo che scivola via in breve tempo poiché scritto in modo esemplare, non posso affermare assolutamente niente di negativo riguardante questo punto.

Il punto fondamentale è “la forza di una donna” che arriva oltre ogni dolore vissuto, oltre ogni immaginazione umana ed è sempre pronta ad affrontare qualunque problema le si pone davanti perché è cosciente del proprio spirito e del proprio potere. Ed è ciò che ci insegna la protagonista di questo romanzo.

«Una volta mi avete detto che vi ha spezzato».

Lo guardai. Allungò cauto la mano verso la mia. Annuii così da lasciarmi confortare. 

«Lui ha tentato, ci è andato vicino, ma voi vi siete sempre rialzata, non vi ha mai spezzato», affermò sicuro.

In conclusione, posso dire senza alcun dubbio che sia un romanzo valido e che io ho amato dalla prima all’ultima pagina. Lo consiglio vivamente a chiunque abbia voglia di leggere un libro davvero valido e che ha voglia di emozionarsi.

VALUTAZIONE

SE VUOI LEGGERE ALTRE RECENSIONI, CLICCA QUI: RECENSIONI

In Nuove uscite/ recensione

Nuove Storie, Nuovi Libri #9 – Novità letterarie di Dicembre!

Salve Lettori!
Anche questo mese andiamo ad esplorare i cataloghi delle case editrici in cerca di succose novità letterarie. Anche questo mese ho estrapolato 6 uscite per voi che adesso andiamo a vedere!

Ovviamente ricordo che i libri di questa lista sono scelti secondo i miei gusti personali.

1. LA CASA DELLE VOCI – DONATO CARRISI

EDITORE: Longanesi
PAGINE: 400
PREZZO: 22,00€
GENERE: Thriller
USCITA: 2 Dicembre

TRAMA: Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l’ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso traumatizzati, segnati da eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui polizia e magistrati si servono per le indagini. Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l’addormentatore di bambini. Ma quando riceve una telefonata dall’altro capo del mondo da parte di una collega australiana che gli raccomanda una paziente, Pietro reagisce con perplessità e diffidenza. Perché Hanna Hall è un’adulta. Hanna è tormentata da un ricordo vivido, ma che potrebbe non essere reale: un omicidio. E per capire se quel frammento di memoria corrisponde alla verità o è un’illusione, ha disperato bisogno di Pietro Gerber. Hanna è un’adulta oggi, ma quel ricordo risale alla sua infanzia. E Pietro dovrà aiutarla a far riemergere la bambina che è ancora dentro di lei. Una bambina dai molti nomi, tenuta sempre lontana dagli estranei e che, con la sua famiglia, viveva felice in un luogo incantato: la «casa delle voci». Quella bambina, a dieci anni, ha assistito a un omicidio. O forse non ha semplicemente visto. Forse l’assassina è proprio lei.

2. DARK PHANTASY, FIABE DEL MACABRO E DELL’ASSURDO. GOLD EDITION – CRISTINA VITAGLIANO

EDITORE: Phatos Edizioni
PAGINE: 252
PREZZO: 18,70€
GENERE: Fantasy
USCITA: 8 Dicembre

TRAMA: I sette peccati capitali, secondo l’autrice, sono tutti da biasimare ma ancor prima da comprendere poiché – volenti o nolenti – li commettiamo ogni giorno, a volte inconsapevoli, a volte senza l”in’ ma altresì senza ritegno alcuno. I suoi personaggi fantastici – leggendari o buffi che siano – pagano il prezzo di una propensione allo sbaglio che è totalmente umana. Sette storie, una per ogni peccato. Una sintassi disinvolta di estrazione tipicamente fiabesca completa un quadro di mirabilia da immaginare, lasciandosi andare a proiezioni mentali che hanno un sapore fortemente fanciullesco.

3. MONTEPERDIDO – AGUSTIN MARTINEZ

EDITORE: Rizzoli
PAGINE: 496
PREZZO: 19,00€
GENERE: Thriller
USCITA: 3 Dicembre

TRAMA: Tra i versanti dei Pirenei aragonesi si nasconde un piccolo villaggio, Monteperdido, costruito per dare le spalle al mondo e agli estranei. D’inverno la vita pulsa silenziosa sotto la neve immobile, d’estate la luce del sole rimbalza sui ghiacciai colorando l’aria di un bianco irreale. Qui tutti si ricordano di Ana e Lucía, le due amiche di undici anni scomparse un pomeriggio di ottobre mentre tornavano a casa da scuola, cinque anni fa. Un giorno che ha segnato la comunità della vallata – un caso intorno al quale le indagini della Guardia Civil si erano mosse girando a vuoto – fino a oggi, quando una ragazzina ferita, con i vestiti strappati e il volto sepolto da una cascata di capelli, viene ritrovata sul luogo di un incidente, vicino a una macchina uscita di strada, viva: è Ana. La riapertura del caso è affidata alla giovane Sara Campos e al capo dell’Unità Centrale Operativa Santiago Baín, inviati dalla sede di Madrid, due esistenze solitarie, ma unite tra loro da un legame speciale. Adesso si trovano obbligati a collaborare con la polizia locale, in quel piccolo mondo montano stretto fra silenzi e risentimenti, per trovare in fretta la seconda ragazzina; mentre intorno a loro la fitta rete di incongruenze e chiaroscuri si addensa, emergono le maglie in cui gli abitanti di questo villaggio silente e sordo hanno ricavato un posto per sé e per il proprio pezzetto di ambigua verità.

4. BRINGER – GIULIANO SCAVUZZO

EDITORE: La Corte Editore
PAGINE: 460
PREZZO: 17,90€
GENERE: Fantasy
USCITA: 5 Dicembre

TRAMA: 2081. Il pianeta è stato devastato da un cataclisma causato dall’inquinamento. I Bringer, grazie alla loro straordinaria capacità di ricevere doni dalle vite precedenti, hanno sventato l’apocalisse. Sono loro a governare il mondo ora, sfruttando lo mnemonium, un potente materiale proveniente da un asteroide che permette di abbassare le temperature e rendere l’aria respirabile. Efi vive nella Città di Cristallo, circondata da Bianche Mura alte centinaia di metri. Anche lei dovrebbe essere una Bringer, ma alla soglia del suo ventesimo compleanno non ha mai sperimentato un bring-back delle esistenze passate e, se ciò non dovesse accadere, verrà esiliata nel mondo dei fermi. Mossa dal desiderio di scoprire il mistero della sua identità, Efi, insieme a Garth e Lake, intraprenderà un viaggio pericoloso e incredibile. in fuga verso la Foresta dei Grandi Alberi, dimora dei ribelli Outcast, scoprirà la sua vera natura e, soprattutto, che il mondo che la circonda nasconde terribili segreti.

5. SPETTRI DI FRONTIERA – AMBROSE BIERCE

EDITORE: Adiaphora
PAGINE: 280
PREZZO: 13,60€
GENERE: Racconti gotici
USCITA: 10 Dicembre

TRAMA: Ambrose Bierce scrisse numerosi racconti dell’orrore e del soprannaturale, generi che riflettevano il suo profondo tormento interiore. Questa raccolta contiene molte tra le sue più suggestive storie di fantasmi e di case infestate: morbose, ciniche, inquietanti, capaci di trascinare il lettore nelle regioni crepuscolari dello spirito e nei più oscuri recessi della mente. Opere cariche di terrore ma, al contempo, pervase di tetra ironia, con echi di Poe, del romanzo gotico e dei racconti romantici, dotate dell’impronta inconfondibile di un autore che ha conosciuto di persona gli spettri che da sempre tormentano l’umanità. I personaggi di Bierce – poeti posseduti, vili aristocratici, professionisti abbietti, corpi rianimati, malfattori perseguitati – vivono in un mondo misero e perverso. Che si tratti di omicidi, vendette dall’oltretomba, sparizioni inspiegabili, dimore infestate o anime inquiete, le storie di Bierce rappresentano uno dei migliori esempi di narrativa soprannaturale di tutti i tempi e hanno ispirato autori come Robert W. Chambers e H.P. Lovecraft.

6. LA BUSSOLA D’ORO, HIS DARK MATERIALS, QUESTE OSCURE MATERIE VOL.1 – PHILIP PULLMAN

EDITORE: Salani Editore
PAGINE: 368
PREZZO: 18,00€
GENERE: Fantasy
USCITA: 5 Dicembre

TRAMA: Lyra vive al Jordan College di Oxford. Oxford non è lontana da Londra, e Londra è in Inghilterra. Il mondo di Lyra però è ben diverso dal nostro. Oltre l’Oceano c’è l’America, ma lo stato più importante di quel continente si chiama Nuova Francia; giganteschi orsi corazzati regnano sull’Artico e ogni essere umano ha il suo daimon: una parte di sé di sesso opposto al proprio, grazie al quale nessuno deve temere la solitudine. Questo mondo attraversa un periodo critico: nella luce misteriosa dell’Aurora Boreale cade una Polvere di provenienza ignota, dalle proprietà oscure. Uomini di scienza, autorità civili e religiose se ne interessano e ne hanno paura. L’intrepida Lyra, a soli undici anni, si trova al centro degli intrighi e, quando intuisce segreti pericolosi e inquietanti, decide di andare alla ricerca della verità grazie anche all’aiuto di una sorta di bussola d’oro, che serve appunto a misurarla, quella verità… Una storia straordinaria, una fantasmagoria di incredibili invenzioni che procede a ritmo incalzante in una lussureggiante molteplicità di toni: il favoloso e l’immaginifico, l’epico e il drammatico, il lirico e il mistico… Il romanzo di Pullman è un’allegoria della condizione umana che riesce a proporre in un’avventura mozzafiato i grandi temi della riflessione filosofica compenetrandoli alla narrazione, riuscendo così a far vibrare le nostre corde più profonde, a emozionarci e a rinnovare in noi i grandi interrogativi fondamentali.