Crea sito

Quattro, Luca Farru – Recensione

Il mondo è nelle mani di quattro speciali ragazzi. Quattro marchi. Una missione che improvvisamente irromperà nelle loro vite. La lenta consapevolezza di avere a che fare con qualcosa di estremamente grande. Un potentissimo nemico. Angeli e Demoni. Creature magiche. Sangue e un brutale e triste epilogo.  Tutto condito bene in una delle ultime uscite fantasy targate Sperling&Kupfer: “Quattro” di Luca Farru.

Ringrazio di cuore sia la casa editrice che l’autore per avermi coinvolta nella lettura di questo bellissimo urban fantasy.

Quattro
Siete l’unica speranza che ha il mondo di sconfiggere Serafyn ed evitare che spalanchi le porte degli Inferi. Sei pronto a rischiare tutto per opporti al male? Cody, Matt, Rose e Sybil sono quattro ragazzi che vivono in città lontanissime tra loro – rispettivamente a Vancouver, New York, Milano e Singapore – e che conducono esistenze diametralmente opposte. Sennonché, un giorno, tutti loro notano sulla pelle l’apparizione di un marchio insolito e cominciano ad avere strane visioni, oltre a manifestare poteri inspiegabili. Ed è allora che il velo che separa naturale e soprannaturale si squarcia, e i ragazzi scoprono di essere presi di mira dai seguaci di Serafyn, un antico demone che dominava il reame oscuro di Inferium, e che è stato sconfitto in passato dalle forze del bene, di stanza a Nuramen e guidate dalla regina Melania. Tra fughe rocambolesche, addestramenti serrati e scoperte sconvolgenti, i Quattro dovranno lasciare che il loro destino si compia. Riusciranno a impedire il ritorno di Serafyn e a salvare chi amano?

LINK PER L’ACQUISTO: Mondadori / IBS / Amazon

Salve a tutti! Era da un po’ che non portavo qui, sul mio blog e pagina Instagram, un romanzo fantasy con annesso parere. Sono contenta di poter portare un romanzo che negli ultimi giorni mi ha tenuta incollata alle pagine. Non amo particolarmente l’Urban Fantasy ma questo romanzo mi ha sorpresa.

Sono Quattro i ragazzi che parteciperanno da un’avventura che in pochi giorni ha cambiato la loro vita: Cody, Matt, Rose e Sybil. Quattro ragazzi diversi e distanti tra loro, rispettivamente a Vancouver, New York, Milano e Singapore. Quattro città che saranno vicine come non lo sono mai state.

Cody un ragazzo che non vede l’ora di licenziarsi per un lavoro migliore. Matt è un giovane scrittore che abita a New York. Dopo il suo primo best seller è alla scrittura del suo secondo romanzo. Rose è una modella di Milano con un problema di alcool. Sybil, una giovane istruttrice di fitness a Singapore.

Ma non solo loro: “Quattro” ha davvero tanti personaggi molto interessanti e a cui ci si affeziona molto velocemente. Un esempio sono proprio i guardiani a protezione dei ragazzi tra cui spiccano David e Thor. Due impavidi guerrieri

Ma non solo i buoni. A rendere la vita dei ragazzi un inferno ci sarà una nemica niente male, Gaia. Gaia è un personaggio che mi è piaciuto davvero molto, un degno “nemico”. La caratteristica che ho molto apprezzato è che l’autore non ha sminuito la parte nemica. Gaia e tutta la schiera di demoni è perfida, cattiva e sanguinolenta. Non mancheranno scene molto forti.

Non manca neanche uno degli elementi che qualcuno apprezza e a qualcuno spaventa: l’amore. In un’eterna lotta tra bene e male con quattro ragazzi in fuga dalla loro città verso un posto magico, Nuramen, non fermerà il nascere di uno dei più antichi sentimenti. Saranno un po’ le storie a nascere tra le pagine ma nonostante ciò sarà sempre in secondo piano. Non leggerete pagine e pagine, altro dettaglio che ho apprezzato da buona nemica del romanticismo.

Azione. Azione. Azione. Ho già detto azione? Azione. Nonostante un inizio che spetta la presentazione dei personaggi è sempre un crescendo. Un continuo susseguirsi di lotte per scappare dai demoni. Nonostante le quasi quattrocento pagine, l’autore è bravo a non perdersi in inutili eventi e descrizioni superflue.

Dell’epilogo? Ne vorrei scrivere qualcosa. Uno degli epiloghi più folli che abbia letto ultimamente. In senso buono, ovviamente. Un colpo di scena davvero interessante che se ci fossero stati anche il secondo e il terzo, li avresti ordinati a lettura finita. La curiosità di leggere il continuo e di capire l’autore come la gestirà è alta. Un buon segno.

Devo dire la verità, di letture Urban Fantasy ne ho fatte un paio e, a parte rari casi, non è stato amore. Questo romanzo mi ha sorpresa. Mi ha tenuta incollata alle pagine dall’inizio alla fine nonostante una sessione di esami. Che dire allora? È un romanzo che mi è piaciuto molto e non posso fare altro che consigliarvelo.

PER ALTRE RECENSIONI: RECENSIONI

ancoraunaltrolibro

Back to top